L’Agricoltura Sociale

L’Agricoltura Sociale 2017-12-08T15:29:33+00:00

L’agricoltura sociale

L’agricoltura sociale è disciplinata dalla LEGGE 18 agosto 2015, n. 141.

Secondo la norma le attività di Agricoltura Sociale sono dirette a realizzare:

a) inserimento socio-lavorativo di lavoratori con disabilita’ e di lavoratori svantaggiati, definiti ai sensi dell’articolo 2, numeri 3) e 4), del regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, di persone svantaggiate di cui all’articolo 4 della legge 8 novembre 1991, n. 381, e successive modificazioni, e di minori in eta’ lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione e sostegno sociale;

b) prestazioni e attivita’ sociali e di servizio per le comunita’ locali mediante l’utilizzazione delle risorse materiali e immateriali dell’agricoltura per promuovere, accompagnare e realizzare azioni volte allo sviluppo di abilita’ e di capacita’, di inclusione sociale e lavorativa, di ricreazione e di servizi utili per la vita quotidiana;

c) prestazioni e servizi che affiancano e supportano le terapie mediche, psicologiche e riabilitative finalizzate a migliorare le condizioni di salute e le funzioni sociali, emotive e cognitive dei soggetti interessati anche attraverso l’ausilio di animali allevati e la coltivazione delle piante;

d) progetti finalizzati all’educazione ambientale e alimentare, alla salvaguardia della biodiversita’ nonche’ alla diffusione della conoscenza del territorio attraverso l’organizzazione di fattorie sociali e didattiche riconosciute a livello regionale, quali iniziative di accoglienza e soggiorno di bambini in eta’ prescolare e di persone in difficolta’ sociale, fisica e psichica.